Archivio per la categoria ‘Uncategorized’

Con la presente si comunica a tutti l’apertura di un nuovo Gdr On-line:

Jade Master

Cos’è il gioco di ruolo?

il Gioco di ruolo è un’attività ludica che permette al giocatore di creare e in seguito giocare un personaggio con un proprio carattere, aspetto, abilità o ambizioni.

Di solito questi personaggi si muovono in mondi fantastici e nei casi dei play by chat(giocati attraverso chat) l’attività ludica diventa non altro che un modo per mettere in campo abilità tipiche dei migliori laboratori di scrittura creativa. E’ un tipo di gioco che stimola la fantasia e la voglia di scrivere, di creare attraverso le parole storie e mondi che in altro modo non sarebbero potuti esistere.

Jade Master in particolare si ambienta in un mondo-foresta dove l’uomo e le altre razze che lo abitano sono in costante lotta per la sopravvivenza contro la natura che proterva tenta sempre di avere il sopravvento.

Vieni a scoprire questo gioco e crea il tuo personaggio!

Sii anche tu quello che vuoi!

Aliti di Vita

Pubblicato: 18 novembre 2013 in Lettori, Uncategorized, Vetrina Esordienti!

E’ con immenso piacere che vi presento il mio secondo figlio (letterariamente parlando).

Aliti di vita.

Un libro sulla bibbia, che ricalca le storie conosciute a livello mondiale provando a raccontarle da un punto di vista nuovo e inusuale: quello dell’umanità dell’autore.

Qui uomini di Dio anche grandi e “miracolosi” si trovano ad affrontare situazioni e vicende cui spesso anche noi(seppur di natura diversa) ci troviamo ad affrontare.
Non bisogna appartenere ad una religione o ad una confessione per leggere il libro. Il linguaggio è semplice e le storie non differiscono in nulla dai comuni racconti dei nostri tempi tanto che solo dopo aver iniziato a leggere i “veterani” del sacro libro potranno distinguere i personaggi delle varie storie.

Tomaselli2013

Titolo Aliti di vita

Autore Gabriele Tomaselli

Editore Nulla Die

Prezzo 12,00

Numero Pagine 92

Se mai c’è stato un tempo in cui fosse necessario riscoprire “vecchie” storie, quello in cui viviamo è sicuramente il tempo in cui abbiamo più bisogno di udire e leggere storie ispirate da Dio.

Vere, profonde e semplici sono le verità che in queste storie ricorderai, riscoprirai, realizzerai e che hanno la loro forza nel trasformare e cambiare la vita.

Chiunque lo desidera può fare richiesta a me per ricevere il libro.

Buona lettura!

l-incantatore-dei-sigilli-la-crescita-dei-druido-libro-63226

Settimane or sono ricevetti un contatto nella mia mail di un giovane scrittore esordiente che aveva pubblicato il suo primo fantasy. Il suo nome è Andrea Passini.
Visto che finora non ho ricevuto molte richieste di recensioni pubblicitarie mi sono buttato a capofitto nella lettura di questo libro.
Questo libro racconta la storia di uno dei popoli delle terre cui fa riferimento. Il popolo dei senza traccia. Una specie di ibridi umani dalle indoli selvagge, che hanno mantenuto tratti animaleschi durante la loro evoluzione.
Tutto inizia durante una festa in onore di un senza traccia speciale: Reish.
Da allora in poi il ragazzo affronterà un lungo viaggio che lo porterà a passare per mondi sotterranei ed emersi davvero incredibili. Qui vengono descritti regni di fate e folletti. Regni sussistenti per mezzo della magia. Territori selvaggi e spietati, in cui alle volte, come in natura ognuno cerca di prevalere sull’altro. E’ così che quasi per caso il giovane incontra colui che diventerà il suo maestro.
Da lì incomincerà un intenso e duro allenamento che lo condurrà a imparare arti soprannaturali per il controllo della natura e dei suoi elementi.

La lettura risulta molto scorrevole. Il testo è piacevole, nel senso che la lettura non stanca né annoia, questo anche grazia alla brevità del libro che conta più di duecento pagine, formattate però ad una grandezza diversa dei libri tradizionali. Ho notato che l’editore, evidentemente per una scelta personale, ha preferito fare un libro quasi tascabile, quindi facile da portare con sé e non molto impegnativo per dare la possibilità a tutti di leggerlo, anche ai più svogliati, facendo sembrare comunque, grazie alla formattazione delle pagine che il libro non risenta affatto di alcuna lacuna.
E qui passiamo a qualche nota dolente. 🙂
Come ho detto, noto che la lettura sia piacevole anche grazie alla sua brevità, ma questo alle volte a discapito dei dettagli che comunque in un fantasy risultano pure fondamentali.
Per la vastità dei luoghi visitati, dei personaggi, incontrati e sfidati e delle imprese cui il protagonista si cimenta credo che il libro meritasse maggiori attenzioni  nei particolari.
Oggi come oggi si sa, i lettori non sono molto propensi ad acquistare grandi libri e non vogliono darsi a letture impegnative, tuttavia ammetto che mi sarebbe piaciuto conoscere di più mentre leggevo, qualcosa riguardante la razza degli Ersh e avrei voluto vedere alcuni fatti descritti in modo più ampio e dettagliato.
Tuttavia se posso esprimere un giudizio personale credo che questo sia un po’ un problema dei ‘primi scritti’. Dietro un primo libro vi è spesso desiderio ed impazienza e ciò inficia leggermente sull’ambientazione del fantasy.
Tuttavia se dovessi dare un parere finale sul manoscritto direi certamente che è una lettura piacevole, veloce e perchè no, anche rilassante di una storia che anche se in alcuni tratti non emoziona in modo particolare (solo verso la fine ho trovato qualche capitolo dalle svolte inaspattate) però riesce a divertire e a far immaginare un mondo completo e intrigante partorito dalla fervida mente dell’autore. I bellissimi disegni che tra l’altro Andrea ha aggiunto, anche questi opera sua, sopperiscono sensibilmente alla carenza di informazioni di alcune parti lasciando al lettore delle immagini chiare ed indelebili e creando un ottimo rapporto con la lettura.

Personalmente mi sento di mandare un messaggio a questo giovane scrittore, da scrittore a scrittore.
Continua così Andrea. Nonostante fosse il tuo primo libro e tu abbia ancora molto da imparare, come molti di noi, sei comunque riuscito a creare un libro non impacciato, senza inutili sproloqui, senza vaneggiamenti e discorsi insensati. Credo sia un buon inizio e ti invito a migliorarti.
In futuro avrò ancora il piacere di leggerti per notare i tuoi passi avanti.

Ora passiamo all’editore.
Personalmente mi è piaciuta molto l’impaginazione, la scelta dei colori, l’inquadratura dell’immagine. Ho saputo che Caliel(questo il nome) pubblica solitamente chiedendo un contributo.
Ovviamente io come tanti altri scrittori resto assolutamente contro l’editoria a pagamento ma poiché per la pubblicazione di questo libro è stato chiesto un minimo acquisto di copie e con uno sconto più che adeguato, l’ho ritenuta una buona forma di compromesso, in fondo l’autore ha sempre bisogno di farsi un minimo di autopromozione e per farlo ha bisogno di qualche copia.
Credo che il motivo per cui Caliel abbia scelto di puntare su Andrea siano anche gli obiettivi che si prefigge di raggiungere nella vita.

Cito di seguito quanto riportato nel retro del libro:
“Andrea Passini è nato a Bologna nel 1987. Dopo essersi laureato nel 2009 in tecniche di Neurofisiopatologia, una laurea triennale di Medicina e Chirurgia che si occupa del prelievo di segnali bioelettrici per la diagnosi di patologie del sistema nervoso, ha deciso di intraprendere un nuovo percorso universitario che gli consentirà di conoscere il funzionamento delle erbe officinali e il loro utilizzo come rimedio erboristico. Parallelamente allo studio, tra le sue numerose passioni, ha ideato questa saga fantasy che gli ha permesso di trasformare in creatività la sua non facile giovinezza, avvicinandolo ancor di più al suo immenso amore per la natura e ai grandi progetti per cui combatte”.

Il prezzo del libro è 12,90 un prezzo del tutto raggiungibile quindi e chiunque lo volesse può fare richiesta alla casa Editrice o anche tramite questo sito a me scrivendo alla mia mail indicata nella pagina: “Pubblicizza il tuo manoscritto”. Io poi girerò le richieste pervenutemi direttamente all’autore.

Che altro dire?

In bocca al lupo Andrea e arrivederci al prossimo libro!

Lascio un veloce quick press chiedendo venia.
Purtroppo in questi mesi il lavoro, che adesso ho abbandonato (proprio così mi sono licenziato *.*) mi assorbiva 24h su 24.

Per ricominciare nel modo giusto mi sembrava dunque doveroso segnalarvi questo video qualora qualcuno non lo sapesse ancora, godetevi il trail a breve uscirà il film completo:

E dulcis in fundo, a breve potrete assistere anche all’uscita del mio primo libro edito da Nulla Die Edizioni una grandiosa casa editrice che benchè giovane vanta già un curriculum di esordienti e di distribuzione non indifferente!

Che dire di più?
Restate connessi…abbiamo ancora molto di cui parlare!^^

Premetto che il libro mi ha colpito sia in senso positivo che in senso negativo.

Il senso positivo è che è un libro estremamente “edificante” per chi crede in Dio.

Il senso negativo è che sarà un libro noioso, bigotto ed inutilmente stancante per chi invece non crede.

Il libro è un pamphlet, più precisamente una corrispondenza tra due demoni: uno zio e un nipote.

Lo zio più alto in grado e più esperto del novizio nipote, tratterà ad ogni lettera diversi argomenti della vita del “paziente” per insegnare al familiare il modo in cui potrà far smarrire la sua anima e cibarsene.

Lewis ci tiene però a premettere in una prefazione che tutto quello che dice Berlicche(lo zio demone) è scritto per deriderlo e che le sue parole non devono in assun modo essere considerate come veritiere. Sicuramente il motivo per cui Lewis ci tiene a sottolinearlo è che essendo cristiano e parlando il libro di demoni avrebbe potuto creare strani presentimenti nella morale del suo pubblico.

Le sue intenzioni, invece, essendo del tutto “pure” hanno suscitato un sentimento piacevole nella morale del pubblico a tal punto che il libro è passato alla storia come il libro che lo ha fatto conoscere al mondo.

Le lettere sono complete nel senso che trattano diversi punti della vita cristiana: l’umiltà, la preghiera, il rapporto con gli altri, fidanzamento e matrimonio, la felicità, ecc.

Lewis in questo si comporta come uno dei migliori psicologi, analizzando comportamenti obsoleti, nascosti nel profondo dell’animo umano e ipocrisie, che si trovano prima di tutto nei cristiani che lo sono solo nel nome o nella forma esteriore( ad esempio solo perchè vanno in chiesa). Ad ogni lettera il tema trattato rimane impresso nella mente del lettore e le considerazioni spingono ad una profonda e attenta riflessione.

Ciò che va a sfavore dello scritto è, oltre alla selettività del pubblico, soprattutto la forma più semplice dei testi di Narnia.

I vocaboli sono tanto ricercati e contorti che alle volte, in un periodo, non si riesce a capire cosa Berlicche voglia dire.

Questo modo di scrivere è, magari, volutamente scelto per sottolineare la raffinatezza delle strategie e delle tecniche di attacco demoniache. Il demone così non è solo un essere rozzo, spietato e malvagio ma che tattica e pianifica ogni sua mossa e la mette in atto come il più abile giocatore di scacchi.

Tuttavia nonostante lo stile complicato e stancante, però, il senso del soprannaturale è reso nello stesso modo: sentire parlare un demone con arroganza e convinzione del modo di far perdere gli uomini trasmette durante la lettura l’impressione di un mondo spirituale che ci gira attorno, senza che noi ci accorgiamo di nulla.

Credo che il motivo per cui questo libro gli abbia dato notorietà è dato soprattutto dalla capacità di questo di fare breccia nella morale cristiana dell’Inghilterra del suo tempo, in alcune parti, stava avendo un vero risveglio spirituale.